Sabato, 27 Dicembre 2014 10:12

I vantaggi di una Società Offshore

Vota questo articolo
(0 Voti)

Società Offshore, cosa intendiamo per “offshore”?

Si dice Offshore una società che, spesso tramite fiduciarie, si registra in territorio estero rispetto al reale ambiente d’azione, per seguire le direttive legislative dello Stato in cui è registrata anziché quelle della nazione in cui opera. Questo pone come immediato effetto benefico una minore pressione fiscale, maggior rispetto della privacy e della riservatezza sulla titolarità dei conti bancari, costi ottimizzati per la crescita aziendale e regolamentazione burocratica più snella e semplificata.

Se inizialmente, durante il periodo del proibizionismo statunitense, il termine offshore, stava ad indicare le imbarcazioni che conducevano i clienti al largo dalle coste americane per consumare “legalmente” alcolici, superato quel periodo il termine è rimasto, andando ad indicare quegli enti o società che eludono la legislazione senza poter subire di fatto nessuna ritorsione.

Chi decide di aprire una Società Offshore spesso è spinto dalle maggiori opportunità, in termini di costi e guadagni, ottenibili registrando la propria compagnia in uno Stato a regime privilegiato anziché in quello dove condurrà la sua attività. Molti, fra gli altri, sono gli imprenditori italiani che hanno deciso di aprire una società di questo tipo per ovvie ragioni: dalla lungaggine della burocrazia italiana alla completa assenza di riservatezza sui movimenti dei conti bancari, dai costi elevati per la conduzione e la messa in opera delle attività aziendali al punto ancor più dolente della pressione fiscale.

Più che i proprietari di piccole e medie imprese, estranei all’iter da seguire per mettere in piedi una Società Offshore, sono proprio i grandi azionisti delle multinazionali o di aziende di elevato prestigio ad adottare questa tecnica: nei Paradisi Fiscali, il dictat principale è la tutela della privacy, quindi a volto coperto, possono tranquillamente nascondere patrimoni e proprietà che in Italia passerebbero al vaglio del Ministero dello Finanze.

Ma aprire una Società Offshore non è illegale, basta seguire delle indicazioni molto semplici, segnalate dalla Legge sulla Tutela del Risparmio del 28 Dicembre 2005, n°282 per non incappare in accuse di riciclaggio o falso in bilancio.

Aprire una Società Offshore è più semplice di quanto si possa immaginare: basterà avere con se il passaporto dell’intestatario della compagnia e collegandosi ad internet ci si potrà affidare a Egi-offshore.com che si occuperà di indicare, secondo le necessità, quale sia la migliore nazione che soddisfi le esigenze per la propria attività.

Senza dubbio un imprenditore esperto potrebbe anche decidere di occuparsi personalmente dell’apertura della propria attività offshore senza rivolgersi ad alcun consulente, ma è importante conoscere i principali regolamenti della finanza e della giustizia internazionale per non subire future denunce per riciclaggio di denaro o evasione fiscale.

Creare una Società Offshore al fine di beneficiare di incentivi fiscali favorevoli per sviluppare la propria attività richiede di informarsi bene per conoscere il paese selezionato. Infatti, non tutti i paesi hanno la stessa normativa e quindi è importante saper fare la scelta giusta fra società onshore, offshore, a gestione libera o amministrata…

Perché e come creare una Società Offshore?

La costituzione di una Società Offshore è perfettamente legale e risponde al decreto 92.521 che si applica come norma internazionale.

Una Società Offshore pertanto può essere creata da chiunque lo desideri.

« Qualsiasi persona fisica o giuridica residente nella Comunità europea ha il diritto di creare un’azienda nel paese di sua scelta senza bisogno di risiedervi fiscalmente [...] »

Una Società Offshore è così chiamata perché segue il principio di avere sede in un paese straniero rispetto a quello in cui essa genera il suo fatturato.

Di conseguenza, essa non può avere un’attività economica nel suo paese di residenza.

Ad esempio, una Società Offshore Francese con sede a Singapore può fare affari in tutto il mondo, tranne che a Singapore (i divieti possono essere rimossi per casi specifici).

Una Società Offshore presenta molti vantaggi e consente tra l’altro di proteggere il proprio patrimonio, grazie al consolidamento dei beni in diversi paesi sotto il nome di una Società Holding Offshore, il che permette che la legislazione del paese in cui ha sede la holding sia applicata su tutte le proprietà, in caso di decesso. Inoltre è possibile trasferire i beni alla propria società offshore per evitare problemi (contenzioso commerciale, sequestro, disputa…): è il principio dell’Asset Protection.

I vantaggi di una Società Offshore

  • La Società Offshore si costituisce in un paese in cui le imposte sono basse, se non nulle, allo scopo di aumentare i profitti.
  • Scegliere una Soluzione Offshore consente di facilitare la gestione dell’azienda e, soprattutto in termini di responsabilità, offre spesso maggiore flessibilità.
  • La Società Offshore è una persona giuridica, il nome del suo direttore potrebbe quindi non comparire su alcun documento, e questo assicura un perfetto anonimato.
  • A seconda del paese di destinazione, il principio della capitalizzazione ristretta può essere totalmente evitato.
  • Una Società Offshore affronta spese di gestione molto inferiori a quelle dell’affitto dei locali, dell’impiego di commercialisti, fornitori, fornitori di servizi informatici.

Se anche tu sei interessato ad aprire la tua Società Offshore non esitare a contattarci, i nostri esperti pianificheranno tutto con la massima riservatezza e professionalità, e così anche tu potrai cominciare a guadagnare Offshore.

Letto 2204 volte